News

Ragadi ai piedi

Ragadi ai piedi

Le ragadi ai piedi sono piccoli taglietti lineari a livello cutaneo. Di solito queste lesioni sorgono sul tallone o tra le dita dei piedi e possono provocare dolore, sanguinamento e perdita di siero dalle ferite aperte.

La causa principale delle ragadi ai piedi, sono le alterazioni del film idrolipidico che rendono la pelle del piede secca, disidratata e predisposta quindi a “rotture”. Queste lesioni cutanee possono dipendere anche da allergie da contatto, da dermatite atopica e da diabete: tutti fattori di rischio per la formazione di piaghe e screpolature ai piedi.

Lo sfregamento del piede all’interno della scarpa, l’uso di detergenti troppo aggressivi e le variazioni improvvise di temperatura (dal caldo al freddo), sono tra i fattori che possono favorire questo fastidio. Per fortuna, rispetto alle ragadi delle mani, le ragadi nei piedi sono meno frequenti, in quanto parti del corpo meno esposte all’esterno.

Le ragadi diventano molto dolorose quando le ferite sono profonde, con rischio di infezione. La pelle del piede infatti è tendenzialmente molto secca e, con la formazione dei calli e l'eventuale pressione che si esercita sui talloni quando si cammina, si formano queste crepe. Anche se la pelle è eccessivamente umida, il sudore può far nascere batteri e funghi che, indebolendo la pelle, la rendono soggetta alle ragadi.

Come prevenirle? Idratate sempre i piedi con creme emollienti e nutrienti; per alleviare il dolore potete anche utilizzare cerotti come pellicola protettiva. Indossate sempre scarpe adatte.

Come curale?
- Rimuovere la pelle morta con strumenti adatti e sterilizzati;
- Applicare pomate; 
- Fare impacchi e pediluvi; 
- Usare creme ad hoc (consigliate dal dermatologo) come prodotti a base di cortisone o pomate antibiotiche per evitare le infezioni.

 

Realizzazione e gestione tecnica del sito a cura di
iprov.com Iprov.com
Grafica, design e comunicazione
cosmobile.net Cosmobile.net
Sviluppo e gestione dati